Confcommercio dal 1945 diamo voce alle imprese
Giovedì 21 Settembre 2017
EDITORIALE

Premio 800 euro «Bonus mamma»

Premio di 800 euro per nascita o adozione/affido di un minore. Rilascio dell`applicazione telematica per la presentazione delle domande

05/05/2017

Premessa

Dopo le circolari n. 39 del 27 febbraio 2017 e n. 61 del 16 marzo 2017, l'Inps con la circolare n. 78 del 28 aprile 2017 ha comunicato il via libera alle presentazioni delle domande per ottenere il bonus di 800 euro per la nascita o l'adozione/affido di minori.

Dal 4 maggio infatti, tutte le donne gestanti o che abbiano partorito nel corso del 2017 o che abbiano adottato o ricevuto in affido un minore, potranno richiedere all'Istituto di previdenza il «premio alla natalità» di 800 euro previsto dalla Legge di Bilancio 2017, erogato in un'unica soluzione. La domanda dovrà essere presentata telematicamente all'Inps all'inizio dell'ottavo mese di gravidanza o, nel caso il parto sia già avvenuto, entro un anno dalla nascita del bambino. Esclusivamente per le nascite avvenute dal 1° gennaio al 4 maggio 2017, il termine di un anno per la presentazione della domanda slitta e decorrerà proprio dal 4 maggio.

Modalità di presentazione delle domande

Le domande andranno presentate, come di consueto, dal portale dell'Istituto accedendo alla specifica sezione.

Istruzioni per la presentazione delle domande

In sede di presentazione della domanda occorrerà specificare l'evento per cui si richiede il Bonus. In particolare se la richiesta è relativa a :

a) compimento del 7° mese di gravidanza (inizio dell'8° mese di gravidanza);

b)nascita (anche se antecedente all'inizio dell'8° mese di gravidanza);

c) adozione del minore, nazionale o internazionale, disposta con sentenza divenuta definitiva ai sensi della legge n. 184/1983;

d) affidamento preadottivo nazionale disposto con ordinanza ai sensi dell'art. 22, comma 6, della legge 184/1983 o affidamento preadottivo internazionale ai sensi dell'art. 34 della legge 184/1983.

N.B.: Per uno stesso minore andrà presentata un'unica istanza (es. se è stata presentata una domanda per compimento del 7° mese di gravidanza, non andrà ripetuta la domanda in relazione alla nascita). Mentre per i parti multipli andrà presentata una nuova domanda alla nascita comunicando i dati di tutti i nati.

Domanda presentata dopo il compimento del 7° mese - punto a)

Per le domande relative al punto a) la domanda dovrà essere compilata selezionando alternativamente una delle seguenti modalità di certificazione della gravidanza:

- certificato di gravidanza in originale o copia autentica spedita a mezzo raccomandata all'Inps;

- indicazione del numero del protocollo telematico del certificato rilasciato dal medico SSN o medico convenzionato ASL;

- indicazione che il certificato è stato già trasmesso all'Inps per domanda relativa ad altra prestazione connessa alla medesima gravidanza;

- per le madri non lavoratrici, in alternativa al certificato di gravidanza, sarà possibile indicare il numero identificativo a 15 cifre di una prescrizione medica emessa da un medico del SSN o con esso convenzionato, con indicazione del codice esenzione compreso tra M31 e M42 incluso.

N.B: E' possibile presentare le domande per una richiedente che, pur avendo maturato i 7 mesi di gravidanza, non abbia portato a termine la gravidanza a causa di un'interruzione della stessa. In questo caso andrà prodotta la documentazione comprovante l'evento.

Domanda presentata dopo la nascita, adozione, affido - punti b) c) d)

In caso di parto già avvenuto nella domanda dovrà essere autocertificato:

- codice fiscale del nato;

- codice fiscale di tutti i nati in caso di parto plurimo.

In caso di adozione o affidamento preadottivo:

- codice fiscale del/dei minore/i;

- il provvedimento giudiziario.

Modalità di pagamento

Il premio di 800 euro è relativo a ciascun evento e per ogni figlio nato/adottato/affidato il pagamento viene disposto secondo le modalità scelte dal richiedente.

Come per altre prestazioni le modalità di pagamento sono le consuete, ossia:

- conto corrente bancario

- conto corrente postale

- carta prepagata corredata da IBAN.

Ovviamente il mezzo di pagamento opzionato, dovrà essere intestato al richiedente.

E' utile specificare che anche in caso di avente diritto minorenne o incapace di agire - fattispecie che prevede che la domanda debba essere presentata dal legale rappresentante in nome e per conto dell'avente diritto - il mezzo di pagamento prescelto dovrà essere intestato all'avente diritto ( minorenne o incapace di agire).

Il nostro patronato, 50&Più Enasco, è a disposizione per ogni chiarimento e per la presentazione delle domande.

0922-595682 - enasco.ag@enasco.it

Confcommercio membership Card - Scopri i vantaggi
   Seguici su Facebook